Orari Apertura

Dalle 9.00 alle 13.00
Dalle 14.00 alle 18.00

Quesiti su aspetti fiscali, dichiarativi, contabili e camerali che rientrano nell'attività quotidiana dello Studio professionale. Lo Studio riceverà una risposta concisa ed esaustiva, adatta al tipo di quesito posto.

ATTENZIONE: Drc Network si riserva di valutare l’entità e la natura del singolo quesito ed entro un giorno lavorativo dal ricevimento della richiesta invierà allo Studio la conferma del costo.

MODULISTICA

Per i QUESITI OPERATIVI dovrete compilare ed inviare il Modulo d’ordine a mezzo email all'indirizzo quesitipareri@drcnetwork.it


oppure compilare la form sotto riportata:

Per porre il tuo quesito: Clicca Qui

I nostri Esperti si riservano di valutare la tipologia dello specifico quesito. Entro 1 giorno lavorativo verrà inviata la conferma di spesa.
Per confermare il preventivo sarà necessario inviare tramite email la copia del bonifico.
Entro 2 giorni lavorativi dal ricevimento della documentazione le verrà fornita la risposta richiesta.

COSTI

Singolo Quesito: € 60 + IVA
Pacchetto 5 Quesiti: € 250 + IVA (Euro 50+IVA cad.)

TEMPISTICA
I nostri Esperti si riservano di valutare la tipologia dello specifico quesito. Entro 1 giorno lavorativo verrà inviata la conferma di spesa.
Entro 2 giorni lavorativi dal ricevimento della documentazione le verrà fornita la risposta richiesta.

MODALITA' DI PAGAMENTO
bonifico bancario anticipato allegato all'ordine di esecuzione della pratica.

DATI BONIFICO BANCARIO
Drc Network Srl
Credito Valtellinese – Agenzia 4 – Milano
IBAN: IT51A0521601633000000003473
ABI 05216 - CAB 01633 – CIN A - c/c 3473

TIPOLOGIA DI QUESITI

Esempio n. 1
Domanda:
Relativamente alla detrazione dell’Iva su fatture di acquisto dell’anno 2016 registrate nel periodo d’imposta 2017, è possibile esercitare il diritto alla detrazione dell’iva pagata? E se si entro quando?

Risposta:
Le nuove regole riguardanti i termini per esercitare il diritto alla detrazione dell'Iva sulle operazioni passive valgono solo con riferimento alle fatture emesse a partire dal 1° gennaio 2017, così come chiarito dal direttore dell'Agenzia delle Entrate in una audizione in parlamento.
Pertanto, nel caso in rassegna, è ancora possibile detrarsi l'Iva relativa alla fattura 2016 secondo le vecchie regole (entro la scadenza della dichiarazione Iva relativa al secondo anno successivo a quello in cui è sorto il diritto alla detrazione).


Esempio n. 2
Domanda:
Un cliente sta acquistando il 100% di una Srl.
La Srl che acquista ha perdite fiscali per circa 80.000 euro.
Se facciamo successivamente una fusione, il nostro cliente, che incorpora la Srl, potrà beneficiare delle perdite della Srl acquistata?


Risposta:
La casistica sottoposta viene disciplinata dall’art. 172, comma 7 del Tuir.
Per poter dedurre le perdite della società che viene acquisita, il meccanismo di legge impone il superamento di un test di operatività e il rispetto di alcuni parametri quantitativi.

Esempio n. 3:
Domanda:
Una società immobiliare costituita sotto forma di Srl può acquistare un immobile ad uso abitazione (A3) con un leasing immobiliare e poi darlo in affitto come abitazione?
Il leasing sarebbe deducibile ai fini delle imposte dirette ed indirette?
Se sì, che durata minima dovrebbe avere il leasing?


Risposta:
Nel caso descritto, trattandosi di immobiliare di gestione, si ritiene che l'acquisto di un immobile patrimonio anche tramite un contratto di leasing comporti l'indeducibilità dei canoni di leasing, in quanto trattasi di fabbricati destinati ad abitazione e non utilizzati direttamente dalla società, e pertanto non strumentali né per destinazione né per natura.
Ai sensi dell'art. 19-bis 1, lettera i), l'Iva relativa all'acquisto o alla locazione di immobili abitativi è detraibile solo da parte delle imprese che hanno per oggetto dell'attività la costruzione dei predetti immobili. Tuttavia, se l'impresa non costruttrice effettua operazioni esenti ai sensi dell'art. 10, n. 8) dello stesso decreto (ovverosia locazioni di immobili abitativi in esenzione), unitamente ad operazioni imponibili, l'Iva è detraibile in base al pro-rata di cui all'art. 19, comma 5 del D.P.R. 633/1972.

Esempio n. 4:
Domanda:
avrei necessità di sostituire un responsabile tecnico per l’attività di impiantisti. Il soggetto subentrante ha il diploma di perito industriale capotecnico ad indirizzo specialistico di industrie metalmeccaniche (come vede in allegato). Cosa occorre per poterlo nominare come nuovo responsabile tecnico?

Risposta:
dal diploma allegato si conferma che il soggetto dimostrando oltre al titolo di studio anche un’esperienza di almeno due anni continuativi alle dirette dipendenze di un’impresa del settore può ottenere l’accreditamento solo per le lettere C-D-E-G (l’impresa presso la quale lavorava deve avere già le lettere certificate).
In caso contrario qualora il soggetto abbia un’esperienza professionale qualificata acquisirà le lettere certificate dall’impresa in cui ha prestato l’opera lavorativa. In tal caso per maturare i requisiti occorrono almeno tre anni, escluso il periodo di apprendistato e quello svolto come operaio qualificato, alle dirette dipendenze di un’impresa del settore in qualità di dipendente operaio installatore con la qualifica di specializzato.
In tutti e due i casi l’esperienza professionale da maturare non ha limiti temporali (non vige la regola entro i 5 anni dalla data di presentazione).

Esempio n. 5:
Domanda:
Qual è il limite di superficie di vendita per un esercizio di vicinato?

Risposta:
Il commercio in esercizio di vicinato è una forma di commercio al dettaglio esercitata in locali ad uso commerciale, con una superficie di vendita massima che dipende dal numero di abitanti del Comune dove si intende avviare l’attività.
Per i Comuni sotto i 10.000 abitanti la superficie massima è pari a 150 mq; per i Comuni sopra i 10.000 abitanti il limite massimo è 250 mq.
Nel computo della superficie si tiene conto solo dell’effettiva area di vendita, senza considerare magazzini, uffici, servizi ed altre superfici accessorie.
Al di sopra di queste superfici si parla di “medie strutture dei vendita” (rispettivamente, fino a 1500 e fino a 2500 mq), e di “grandi strutture di vendita”.
Gli “esercizi di vicinato” possono essere avviati con Scia e non sono soggetti a pianificazione, salvo casi particolari (es. centri storici) previsti dai regolamenti comunali.
Le medie strutture e le grandi strutture di vendita richiedono invece preventiva autorizzazione comunale.
L’attività di commercio è soggetta a legislazione nazionale, legislazione regionale e regolamenti comunali.

AREE TEMATICHE

Iva e altre imposte indirette
- Iva nazionale
- Regimi speciali
- Iva immobili
- Iva Intra UE e Iva Extra Ue
- Liquidazioni, versamenti, compensazioni, rimborsi e visto Iva
- Fatturazione elettronica e conservazione sostitutiva
- Sanzioni e ravvedimento operoso
- Altre imposte indirette

Imposte dirette
- Redditi fondiari e redditi da fabbricati
- Redditi da lavoro dipendente
- Redditi d’impresa e redditi da lavoro autonomo
- Redditi regimi agevolati
- Redditi da partecipazione in società
- Redditi da capitale
- Redditi diversi
- Redditi a tassazione separata
- Redditi prodotti all’estero
- Dichiarazione dei Redditi: Unico SP, SC, PF e Modello 730

Contabilità e bilancio
- Voci di bilancio. Contabilizzazione e valutazione
- Principi contabili OIC
- Nota integrativa
- Rendiconto finanziario
- Altri adempimenti relativi al bilancio

Pratiche Camerali e Comunali
- Pratiche Comunica
- Pratiche Scia (escluse Scia Edilizie)